ISG Edizioni


Iscriviti alla NEWSLETTER per ricevere tutti gli aggiornamenti ISG

 

Contatti


Carrello vuoto!

 Totale: 0




Storia della salvezza
Commenti alla Bibbia
Intorno alla Bibbia
Pregare in famiglia
Ciottoli dal torrente
Interrogativi
Catechesi
Spiritualità del terzo millennio
Con Maria
Momenti di preghiera
Le storie di Don Villa
Chiamati alla fede
Luoghi e volti della fede
Liturgia e vita
Cristiani nel sociale
Racconti per riflettere
Promozione
Mondo giovani
La Parola si fa storia
Mondo piccolo


-

1° Capitolo

 
Leggi il capitolo del libro.

COSA SAPPIAMO DELLA BIBBIA? Vol. 1 - Ariel Álvarez Valdés

É ESISTITA L'ARCA DI NOÈ? - Sull’Ararat

Esiste una montagna che ha il privilegio di essere molto visitata, scalata, studiata e pubblicizzata dai mezzi di comunicazione. Si tratta del celebre monte Ararat.
Tutta la sua fama le viene dal fatto che, secondo la Bibbia, fu il luogo dove si incagliò l’arca equipaggiata da Noè e dai suoi tre figli, dopo la fine del famoso Diluvio universale, che pose fine alla vita degli uomini, degli animali e delle piante del pianeta.
L’Ararat è una piccola catena montuosa di 13 chilometri di lunghezza, ubicata fra le attuali nazioni della Turchia e dell’Armenia. Ha due cime principali: l’Ararat Maggiore a nord, di 5.516 metri di altezza, coperto da nevi eterne, e l’Ararat Minore al sud, di 4.300 metri...
(continua)


Leggi il capitolo del libro.

CATECHESI BIBLICA SIMBOLICA - Claude e Jacqueline Lagarde

Catechesi Biblica Simbolica

Mi sono imbattuta nella Catechesi Biblica Simbolica quando stavo cercando un modo efficace, corretto e significativo di fare catechesi con il Vangelo. Quell’anno l’Equipe Ephéta per la Catechesi Biblica Simbolica, fondata e animata da Claude e Jacqueline Lagarde, festeggiava i 20 anni dell’associazione con un convegno internazionale a Parigi. Incuriosita dal fatto che questa proposta catechistica utilizza le Scritture come contenuto degli incontri di catechesi fin dalle prime classi elementari, mi sono iscritta al convegno, pensando che in ogni caso avrei fatto una bella vacanza a Parigi. L’incontro è stato decisivo. Ormai da più di cinque anni nella nostra diocesi la proposta dei coniugi Lagarde trova sempre maggiori consensi, innanzitutto tra i catechisti perché vedono rinascere l’interesse dei ragazzi e di conseguenza tra i genitori, incuriositi per il lavoro dei figli, tanto diverso da quello a cui erano abituati... (continua)


Leggi il capitolo del libro.

CHIAMATI ALLA FEDE, Vol 1° - Charles Delhez

DIO - Libero di credere

«Sento sempre più sovente dire che Dio non esiste...».

Diversamente da quanto accade per un teorema di geometria, non è possibile provare che Dio esiste o non esiste. Perciò è ragionevole ammettere la sua esistenza, sempre che non si riesca a dimostrare il contrario: quest’ammissione non urta contro la nostra intelligenza, anche se l’argomento va al di là della nostra capacità di comprenderlo. Non di meno, ciò che supera la ragione non la nega affatto... (continua)


Leggi il capitolo del libro.

GESÙ OGGI - José Arregui

Cristologia in un mondo secolarizzato

INTRODUZIONE

1. La parola secolarizzazione si è rivelata confusa ed equivoca sin dall’inizio, e continua ad esserlo anche oggi. Significava all’origine il passaggio dei beni ecclesiastici in mano ai “secolari” o in mano agli Stati. Poi il termine fu inteso in doppio significato: per alcuni designava la fine della tutela sociale e culturale esercitata dall’istituzione religiosa; per altri significava la scomparsa di ogni religione, lo “svegliarsi” radicale e definitivo del mondo, il generalizzarsi della non-credenza o dell’indifferenza religiosa radicale. A questo punto, “mondo secolarizzato” vuol dire per alcuni “mondo non subordinato all’istituzione religiosa” e, per altri, “mondo irreligioso” o “areligioso”. (continua)


Leggi il capitolo del libro.

L'IMPEGNO SOCIALE DEI CATTOLICI - Giancarlo Ferretti

INTRODUZIONE

Terminata la seconda guerra mondiale e sconfitto il nazismo, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica lasciarono declinare gradualmente l’originaria alleanza in ostentata rivalità, esercitando la loro preponderante influenza sugli assetti del mondo.
Le loro divergenze ideologiche erano troppo evidenti, poiché queste due grandi nazioni costituivano senza dubbio il punto di riferimento di due diverse concezioni dello stato, dell’economia e della società, destinate a scontrarsi.
Gli Stati Uniti appoggiavano le democrazie capitalistiche, mentre l’URSS egemonizzava le economie pianificate dirette dal potere assoluto del Partito comunista... (continua)

 

 

 

-


 Nome Utente
 
 Password
 



Password dimenticata?